Il termine Spondiloartrite assiale è usato per indicare un processo infiammatorio a carico della colonna vertebrale e delle articolazioni sacroiliache, quelle che collegano la colonna vertebrale al bacino, responsabile di dolore prevalentemente alla schiena e ai glutei oltre che ad altre articolazioni.

Se ne riconoscono 2 forme:

  • Spondiloartrite assiale non radiografica (nr-axSpA)
  • Spondiloartrite assiale radiografica (axSpA anche chiamata Spondilite anchilosante)

La dicitura "non radiografica" significa che non sono visibili danni alle articolazioni ai raggi X.  Ancora oggi è oggetto di dibattito la questione per cui le forme di nr-axSpA siano da considerare come una forma iniziale di Spondilite anchilosante oppure se siano da considerarsi come 2 malattie distinte.

Ad ogni modo quando viene posta per la prima volta la diagnosi di Spondiloartrite assiale possono emergere molte paure tra cui quella di non essere più in grado di svolgere una vita “normale”. Le domande che più spesso i pazienti si pongono riguardano la possibile insorgenza di cambiamenti della postura, lo sviluppo di invalidità permanente o di complicanze che possano ridurre l’aspettativa di vita.

Nelle SpA assiali l’infiammazione solitamente inizia al bacino, con il coinvolgimento delle articolazioni sacro-iliache, e con il tempo può estendersi verso l’alto, a carico della colonna vertebrale (incluso il collo). Col perdurare del processo infiammatorio, che può richiedere anche molti anni, possono insorgere danni strutturali a carico delle strutture della colonna che determinano la formazione di ponti ossei, la fusione delle strutture articolari con conseguente riduzione o perdita completa della flessibilità e della motilità e comparsa di alterazioni della postura. Talora il processo distruttivo può colpire le anche e le spalle con perdita del movimento in queste sedi. 

La riduzione della mobilità della colonna si traduce in una difficoltà a svolgere diversi atti della vita quotidiana quali ad esempio raccogliere oggetti caduti per terra o allacciarsi le scarpe, svolgere lavori domestici, praticare uno sport, raggiungere oggetti riposti in alto, girare il capo durante la guida, ad esempio per fare retromarcia.

I sintomi e la progressione del danno articolare variano molto da paziente a paziente. Ci sono infatti persone che manifestano sintomi lievi e poca progressione di malattia mentre altri possono avere sintomi più gravi ed una rapida evoluzione. 

Nel corso degli ultimi anni la ricerca scientifica ha cercato di individuare fattori che possono aiutare a prevedere quali pazienti tenderanno ad avere una prognosi peggiore.

Sesso ed età: l’essere maschi ed aver ricevuto una diagnosi in giovane età sono fattori associati ad una prognosi peggiore di malattia

Alti livelli di PCR: la proteina C-reattiva è un marcatore di infiammazione dosabile con un semplice prelievo di sangue venoso. Elevati valori di questa sostanza si associano a un maggior rischio di progressione del danno articolare

Fumo di sigaretta: i pazienti fumatori affetti da SpA assiale tendono ad avere una più rapida progressione di malattia rispetto ai non fumatori.

Marcatori genetici: tra i diversi geni sino ad oggi identificati l’aplotipo di istocompatibilità umano B27 è quello per cui esistono maggiori evidenze riguardo l’associazione non solo ad un aumentato di rischio di sviluppare malattia ma anche ad una prognosi peggiore.

Interessamento dell’articolazione coxo-femorale: il coinvolgimento dell’ anca di più comune osservazione in pazienti con malattia esordita in giovane età e sembra essere un fattore di rischio per sviluppo di malattia più grave.

Manifestazioni extra-articolari: i pazienti affetti da Spa assiale hanno un aumentato rischio di sviluppare altre malattie, quali ad esempio malattie infiammatorie intestinali (Morbo di Crohn o Rettocolite ulcerosa), psoriasi, coinvolgimento oculare (uveite). I pazienti che presentano sintomi extra-articolari hanno una maggiore tendenza a sviluppare una malattia più grave.

Familiarità: le SpA assiali tendono ad avere un’elevata aggregazione familiare. La compromissione funzionale e la gravità della malattia allo stesso modo tendono a riprodursi come un modello all’ interno dello stesso gruppo familiare.

Limitazione della mobilità della colonna vertebrale: se al momento della diagnosi è già evidenziabile una limitazione del raggio di movimento della colonna la prognosi tende ad essere peggiore

Le SpA assiali non riducono direttamente l’aspettativa di vita dei pazienti, tuttavia, ci sono complicazioni e comorbidità che possono farlo.

Negli ultimi anni infatti è emerso che soggetti affetti da Spondilite Anchilosante hanno un maggior rischio di eventi cardiovascolari (ictus e/o infarti) rispetto alla popolazione generale di pari sesso ed età. I fattori che possono spiegare questo aumento del rischio cardiovascolare sono molteplici ed includono gli effetti diretti del processo infiammatorio cronico sui vasi sanguigni, una maggiore tendenza ad avere stili di vita scorretti (fumo di sigaretta, scarsa o nulla attività fisica) e maggior rischio di comorbidità (obesità, aumento del colesterolo, diabete, ipertensione arteriosa).

Sebbene il danno articolare della Spondilite anchilosante non può essere annullato, il trattamento con i farmaci biologici sembra aiutare a fermare il danno strutturale.

La diagnosi precoce di malattia, la correzione degli stili di vita ed un approccio terapeutico completo, che includa adeguato programma di fisioterapia, svolgimento regolare dell’attività fisica ed impiego di farmaci biologici, sono strumenti essenziali per preservare la funzione fisica, migliorare la qualità della vita dei pazienti e la prognosi della malattia.

Bibliografia essenziale

  1. Baraliakos X, Braun J. Non-radiographic axial spondyloarthritis and ankylosing spondylitis: what are the similarities and differences? RMD Open. 2015 Aug 15;1(Suppl 1)
  2. Rudwaleit M, van der Heijde D, Landewé R, Listing J, Akkoc N, Brandt J, Braun J, Chou CT, Collantes-Estevez E, Dougados M, Huang F, Gu J, Khan MA, Kirazli Y, Maksymowych WP, Mielants H, Sørensen IJ, Ozgocmen S, Roussou E, Valle-Oñate R, Weber U, Wei J, Sieper J. The development of Assessment of SpondyloArthritis international Society classification criteria for axial spondyloarthritis (part II): validation and final selection. Ann Rheum Dis. 2009 Jun;68(6):777-83.
  3. Coulter EH, McDonald MT, Cameron S, Siebert S, Paul L. Physical activity and sedentary behaviour and their associations with clinical measures in axial spondyloarthritis. Rheumatol Int. 2020 Mar;40(3):375-381
  4. Lauper K, Courvoisier DS, Chevallier P, Finckh A, Gabay C. Incidence and Prevalence of Major Adverse Cardiovascular Events in Rheumatoid Arthritis, Psoriatic Arthritis, and Axial Spondyloarthritis. Arthritis Care Res (Hoboken). 2018 Dec;70(12):1756-1763
  5. Ladehesa-Pineda ML, Arias de la Rosa I, López Medina C, Castro-Villegas MDC, Ábalos-Aguilera MDC, Ortega-Castro R, Gómez-García I, Seguí-Azpilcueta P, Jiménez-Gómez Y, Escudero-Contreras A, López Pedrera C, Barbarroja N, Collantes-Estévez E; CASTRO Working Group. Assessment of the relationship between estimated cardiovascular risk and structural damage in patients with axial spondyloarthritis. Ther Adv Musculoskelet Dis. 2020 Dec 30;12:1759720X20982837
  6. Rohde G, Berg KH, Pripp AH, Prøven A, Haugeberg G. No deterioration in health-related quality of life in patients with axial spondyloarthritis followed for 5 years in ordinary outpatient clinics in the biological treatment era. Qual Life Res. 2020 Jan;29(1):99-107.
  7. Sepriano A, Ramiro S, Wichuk S, Chiowchanwisawakit P, Paschke J, van der Heijde D, Landewé R, Maksymowych WP. Tumor Necrosis Factor Inhibitors Reduce Spinal Radiographic Progression in Patients With Radiographic Axial Spondyloarthritis: A Longitudinal Analysis From the Alberta Prospective Cohort. Arthritis Rheumatol. 2021 Jul;73(7):1211-1219

Malattia di Bechterew

La correlazione tra Uveite e Spondilite anchilosante (e tutte le Spondiloartriti assiali)

CONOSCI LUCA

Autore

LUCA
IDOLAZZI

MEDICO SPECIALISTA IN REUMATOLOGIA

Ricercatore presso l’Unità di Reumatologia del Dipartimento di Medicina dell’Università di Verona, si interessa dello spettro delle patologie artritiche e, in modo particolare, di spondiloartriti. Ad integrazione di  questo ambito, ha sviluppato un interesse per l’imaging dedicato alla malattia reumatologica e, in modo particolare, all’ecografia muscoloscheletrica. Data la complessità delle spondiloartriti, affianca da molti anni i colleghi di altre branche, come la Dermatologia, per riuscire a cercare di comprendere e assistere il paziente nel migliore dei modi.

Incontra gli esperti

Associazioni Pazienti

Scopri di più