Grazie mille, SA

È ironico, non trovi? I sintomi della spondilite anchilosante tendono a dare il peggio di sé quando non siamo al meglio della forma: prima di tutto al mattino. Spesso la rigidità mattutina si presenta subito dopo una notte di sonno disturbato, a causa sempre della SA. Ecco perciò alcuni consigli mattutini per aiutarti a superare la rigidità e il dolore alla schiena e andare avanti con la giornata.

Trova una routine e mantienila. Non è semplice, ma cerca di prendere l’abitudine di alzarti a una certa ora (e in un certo modo). Creare una routine durante i giorni più facili ti aiuterà nei giorni in cui alzarti è tutt’altro che una passeggiata.

Porta una fonte di calore in camera da letto – una borsa dell’acqua calda, un unguento che produce calore o un cuscino termico elettrico – qualcosa che aiuti a rilassarti. Anche i vestiti che sono appena stati tirati fuori dall’asciugatrice sono ottimi per le articolazioni rigide.

Libera la mente, perché anche la mente ha bisogno di rilassarsi tanto quanto la schiena. Esercizi di respirazione, una rapida sessione di consapevolezza o anche solo stilare un elenco delle cose di cui sei riconoscente. Portare la mente in un bel posto ti aiuta a fare altrettanto con il corpo.

"Portare la mente in un bel posto ti aiuta a fare altrettanto con il corpo"

L’esercizio fisico è ottimo. Va davvero bene per i sintomi della SA (come la rigidità),1 anche se richiede fatica. Molte associazioni per la SA offrono consigli sui migliori esercizi per la spondilite anchilosante.

Prova a distrarre la schiena. Se il puro esercizio ti sembra una vera tortura, prova a nasconderlo all’interno di un’altra attività. Trasforma le faccende di casa, il riordinare o addirittura la preparazione di un pranzo al sacco in una sessione camuffata di stretching.

Racconta al diario ogni cosa. Annota i possibili fattori scatenanti, che cosa ha aiutato e che cosa invece non è servito. Tutto quello che potrebbe essere utile. Prendi nota anche di quanto ci hai messo ad alzarti e cerca di migliorare il tuo record personale.

Modifica le condizioni esterne. Il nostro articolo sui letti ha preso in esame i materassi per individuare quello più adatto alle persone con SA e l’articolo sull’insonnia causata dal dolore ha offerto consigli per dormire meglio. Anche cambiare letto (o andare sul divano) durante la notte potrebbe aiutare al risveglio.

Non permettere alla SA di vincere. La tentazione di rimanere a letto e non muoversi è forte. Nei giorni delle riacutizzazioni, potrebbe essere l’unica possibilità. Superare la rigidità è dura – è uno sforzo sia fisico sia mentale, lo sappiamo. Ma prima riesci a superare questo momento, prima tornerai ad avere il controllo e sarai pronto per concentrare la tua attenzione su qualcosa di diverso dalla SA.

 

Questo articolo è stato scritto da uno degli esperti di ThisASLife, un sito social che intende aiutare la comunità di persone con SA ad “Apprendere. Condividere. Ispirare. Discutere.”

1. Lim HJ et al. Rheumatol Int 2005; 25:225–229..

Dieci cose fondamentali da sapere

Partiamo dalle basi